Denunce di corruzione, Kenyatta: chi è coinvolto si dimetta

 
 
Nairobi, 27/03/2015
 
La presa di posizione del capo dello stato ha raccolto l’approvazione della Law Society of Kenya, il cui presidente, Eric Mutua, ha chiesto “unità” nella lotta alla corruzione.
 
 

“Un impegno personale” a combattere la corruzione. Lo ha riaffermato il presidente del Kenya, Uhuru Kenyatta, dopo che la locale commissione per l’etica e l’anticorruzione (EACC) gli ha presentato un rapporto che coinvolge funzionari governativi di alto livello.

kenyatta_2576521b

Sull’identità dei funzionari coinvolti non ci sono ancora conferme ufficiali, ma secondo la radio locale Capital FM sarebbero implicati addirittura cinque ministri, tra cui quello della Terra, Charity Ngilu, quello dell’Agricoltura Felix Koskei e quello dei Trasporti, Michael Kamau.

Complessivamente la lista comprende, secondo i principali quotidiani kenioti, una cinquantina di nomi, ma un articolo del giornale Daily Nation ha ipotizzato che i coinvolti possano essere addirittura 175.

Senza indicare nomi, Kenyatta ha chiesto a tutti i funzionari “citati negativamente” nel dossier di dimettersi e di lasciare che le indagini facciano il loro corso.

La presa di posizione del capo dello stato ha raccolto l’approvazione della Law Society of Kenya, il cui presidente, Eric Mutua, ha chiesto “unità” nella lotta alla corruzione.